header3.jpg
Home

I più letti

Ultime notizie

Mondo Ignaziano

Nel 2014 Secondo Centenario della Ricostituzione della Compagnia di Gesù

Con la Bolla papale “Sollicitudo omnium ecclesiarum”, Papa Pio VII, il 7 agosto 1814, ricostituiva la Compagnia di Gesù. Sono dunque duecento anni dalla ricostituzione.

L'anno commemorativo è già iniziato lo scorso 3 gennaio, in occasione della festa del Santissimo Nome di Gesù, e terminerà il 27 settembre, anniversario dell'approvazione della Compagnia nel 1540.

Padre Adolfo Nicolás, il Preposito Generale, ha inviato una lettera ai Gesuiti, invitandoli a ripercorrere e ad approfondire le vicende che condussero alla soppressione e ricostituzione della Compagnia, non solo storicamente ma anche nella riflessione e preghiera, personale e comunitaria, nonché nel discernimento, affinché lo sguardo al passato sia utilizzato per procedere nel futuro, soprattutto ai fini della "Missione universale". Come avvenne nell'immediato futuro della Compagnia ricostituita.

7 gennaio 2014

 

Echi dal mondo ignaziano sulla tragedia di Lampedusa

CENTRO ASTALLI

 

Comunicato stampa

Basta morti nel Mediterraneo. È il momento di misure straordinarie.
Davanti all'ennesima tragedia nel Mediterraneo la Commissione europea e i Governi nazionali non rimangano inerti.

A due giorni dall’ultima tragedia del mare, ci ritroviamo a contare le vittime dell’ennesimo naufragio nel Mediterraneo.
In queste ore Lampedusa raccoglie un tragico bottino. Il bilancio di più di 80 morti pare destinato a salire. Cinquecento i naufraghi a largo di Lampedusa tra cui 30 bambini.

“Neanche più un morto nel Mediterraneo” il monito di papa Francesco a Lampedusa, oggi diventi priorità per le istituzioni europee e nazionali.

Il Governo italiano chieda immediatamente alla Commissione europea l’attivazione di canali umanitari sicuri in grado di garantire alle vittime di guerre e conflitti in corso la protezione internazionale.

Assicurare il diritto d’asilo oggi vuol dire permettere a profughi e migranti forzati di arrivare in Paesi sicuri senza rischiare la morte affidandosi a trafficanti e criminali.

“È inaccettabile e vergognoso che nel 2013 nel Mar Mediterraneo viaggino carrette fatiscenti con a bordo 500 persone nell’indifferenza generale.  
Esprimere un formale cordoglio per i morti non basta a togliersi colpe e responsabilità. Dobbiamo accoglierli da vivi, altrimenti siamo colpevoli quanto chi organizza i traffici di essere umani” afferma Padre Giovanni La Manna sj, presidente Centro Astalli.

Le Istituzioni europee e gli Stati nazionali intervengano al più presto per consentire l’esercizio del diritto d’asilo in sicurezza.
In particolare chiediamo che si prenda seriamente in esame la possibilità che il programma Frontex venga investito della responsabilità di monitorare e accompagnare in sicurezza i migranti forzati in fuga da guerre e persecuzioni e venga così garantito il diritto di chiedere asilo in Europa.


Ufficio stampa Centro Astalli
Donatella Parisi: 0669925099 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
________________________________________________________________________

Padre Massimo Nevola scrive da Sighet:

Allo sdegno e alla pena subentri in tutti la volontà ad agire: ad abolire subito la Bossi-Fini e ad essere disponibili tutti all'accoglienza.

Dal gruppo CVX romano "Capitolo 15" è maturata la proposta a rendersi disponibili ad accogliere almeno per 6 mesi qualcuno dei sopravvissuti. Davvero se unissimo le forze potremmo iniziare a dare risposte concrete all'emeregenze d'immigrazione (i centri attuali di accoglienza sono già stracolmi).

S. Francesco ci auti ad essere veramente solidali, senza ipocrisie.

Invito tutti, poi, a concentrasi nellla preghiera affinché in questo giorno di lutto nazionale possiamo rinnovare l'offerta di noi stessi al Signore nel servizio dei piccoli e dei poveri.

Saluti a tutti

Massimo

__________________________________________________________________________________

Antonio Salvio, presidente nazionale della CVX Italia, scrive:

 

Al di là dell'ondata di sdegno e della vergogna che tutti noi, appartenenti al cosiddetto "primo mondo", dovremmo provare, credo che serva anche una riflessione seria e profonda sulle cause che determinano ormai da anni queste tragedie: quella di ieri è solo la più grande per numero di fratelli morti nell'attraversare il Mediterraneo.Ormai il canale di Sicilia è una enorme tomba !
Mi permetto di aggiungere, a quella fatta dalla CVX Capitolo 15 di Roma; una mia personale proposta, mutuando il pensiero e le parole di Papa Francesco, pronunciate alcune settimane fa: se i nostri Conventi, molte volte semivuoti o utilizzati come alberghi, potessero accogliere anche uno solo dei migranti o dei senza dimora delle nostre città, la parola accoglienza e la parola fraternità avrebbero un significato vero e pregnante. Questo in aggiunta all'accoglienza nelle nostre case, come proposto.
Un caro saluto a tutti, implorando la misericordia del Signore.

Antonio

_______________________________________________________________

Francesca Sottillotta, coordinatrice della CVX di Reggio Calabria scrive:

Grazie, Antonio! Ciò che leggiamo nella tua comunicazione può spingerci ancor più ad incamminarci su strade nuove per rivestire di "carne" le tante cose buone e belle che negli anni abbiamo detto ed ascoltato. Questo tempo così difficile ci chiede un supplemento di fraternità e di misericordia. Il Signore ci aiuti tutti a riconoscere il tempo della sua visita. Vorrei anche segnalare un articolo di Ida Nucera, un'amica di comunità, pubblicato su Zoomsud.it, su quanto accaduto ieri.
Questo è il link : 

Un abbraccio a tutti da Reggio Calabria
Francesca Sottilotta

4 ottobre 2013

 

 

Una lettera e un'intervista a P. Adolfo Nicolás, Padre Generale della Compagnia di Gesù

Riprendiamo dal sito della Curia generalizia della Compagnia di Gesù (sjweb.info) una lettera e un'intervista al Padre Generale P. Adolfo Nicolás S.J.


icon Intervista a P. Nicolas 03.09.13

 

 

 

Una preghiera di Sant'Ignazio, inviataci da Pasquale Salvio



PREGHIERA DI OFFERTA…

Considero con molto affetto
quanto Dio nostro Signore ha fatto per me
e quanto mi ha dato di quello che ha;
poi ancora quanto egli desidera darsi a me,
in tutto quello che può.
Quindi rifletto su me stesso,
considerando che cosa è ragionevole e giusto
che io, da parte mia,
offra e doni alla sua divina Maestà,
cioè tutte le mie cose e me stesso con esse,
come chi offre con molto amore e dice…

Prendi, o Signore, e accetta
tutta la mia libertà, la mia memoria,
la mia intelligenza, la mia volontà,
tutto quello che ho e possiedo.
Tu me lo hai dato;
a te, Signore, lo ridono.
Tutto è tuo:
di tutto disponi,
secondo la tua piena volontà.
Dammi solo il tuo amore e la tua grazia,
e questo solo mi basta!

(S. IGNAZIO DI LOYOLA)

 Leggi icon L'Omelia di Papa Francesco nella Messa per S. Ignazio 2013

 

L'udienza di Papa Francesco agli studenti e ai giovani della famiglia ignaziana

Profonda eco tra di noi e ampio riscontro sui media ha avuto l'udienza che Papa Francesco ha concesso, venerdì 7 giugno, agli studenti dei Collegi gesuitici d'Italia e d'Albania, ma anche ai giovani e agli adulti dei movimenti ignaziani.

Pensiamo di far cosa gradita pubblicando sul nostro sito l'intervento che il Papa ha solo scritto e non pronunziato per dare spazio al dibattito con i giovani, ma anche la trascrizione delle domande e risposte registratesi tra giovani (e meno giovani) e Papa nel corso dell'evento.

Scriveva il giorno dopo Leonardo Becchetti su Avvenire: "Il valore di quest’incontro di novemila di noi studenti ed ex studenti delle scuole dei Gesuiti con il Papa è inestimabile e già questo evento mi pare uno dei miracoli che Francesco è riuscito a compiere"

Siamo pienamente d'accordo con lui.

icon 07.06.13 Udienza di Papa Francesco a studenti e giovani ignaziani. Intervento scritto e non letto

icon 07.06.13 Udienza di Papa Francesco a studenti e giovani ignaziani. Interventi a voce

 
Notizie flash

Da credenti e laici giunge solidarietà a P. Bartolomeo Sorge sj, attaccato sui social dal Ministro degli Interni per il giudizio di condanna che il gesuita novantenne, nel giorno di Ferragosto, ha espresso sull’uso strumentale delle simbologie religiose da parte del leader leghista.

Scrive padre Antonio Spadaro sj su Facebook: "Tutto il mio sostegno a p. Bartolomeo Sorge, mio predecessore nella direzione de La Civilta' Cattolica. Grande uomo, novantenne #gesuita e politologo che tanto ha dato all' #Italia e alla #Chiesa. Ora anche lui sotto vile attacco. Anche da parte di chi dovrebbe tutelare tutti i cittadini italiani".

Solidarietà anche da tutta la CVXLMS Italia, espressa dal suo Presidente nazionale, Antonio Salvio.

Intervengono in difesa di P. Sorge anche Beppe Giulietti, co-fondatore di Articolo 21, che lo definisce infaticabile costruttore di ponti e "maestro" di democrazia, e la scrittrice Michela Murgia, che assicura vicinanza e affetto ai due padri gesuiti.

Dalla CVX Immacolata al Gesù Nuovo di Napoli, solidarietà piena, sostegno e preghiera.

19 agosto 2019

 

E' stato portato a termine il lavoro di trascrizione delle meditazioni di Padre Alberto Giampieri sj sul Gloria al Padre, pubblicate su "Parole di Vita", seconda edizione, ottobre 1989.

Le definì Elevazioni spirituali alla Santissima Trinità sul filo della preghiera propostaci dalla Chiesa.

Sono ora a disposizione su questo sito.

Per leggerle clicca QUI.

16 agosto 2019

 

P. Rolando ha sospeso la Lectio Divina per la pausa estiva. Ci dà appuntamento a settembre. Vi avviseremo noi  in quale sabato. Buone ferie.

 

Giornata in memoria delle vittime dell'omofobia, della transfobia, della xenofobia e della violenza di genere. Domenica 19 maggio ore 17:00 a Napoli presso il Tempio Valdese di via Duomo 275.

Nella prima parte interverranno i referenti di  associazioni e enti impegnati nel contrasto a violenze e discriminazioni e al sostegno delle vittime, per raccontare cosa accade in Italia e nel mondo. 

Seguirà la Veglia Ecumenica per imparare ad “abbattere i muri dell’omofobia,  della transfobia, della xenofobia e della violenza di genere. Muri spaventosamente alti, che creano una separazione all'interno dell’umanità…” 

Stimolati dal versetto biblico: "Non temere perchè io ti ho riscattato, ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni, sei prezioso ai miei occhi, perchè sei degno e io ti amo" (Isaia 43,1-4) ci uniremo idealmente in preghiera con le  altre comunità che in Italia e nel mondo stanno vegliando sugli stessi temi.

L'incontro è aperto a tuttI.

L'Associazione Ponti Sospesi - Cristiani Lgbt di Napoli

 

 

S. Messa

Ogni sabato, alle ore 18,30 nella Chiesa del Gesù Nuovo in Napoli, la CVX-LMS "Immacolata al Gesù Nuovo" anima la S. Messa prefestiva.

Prima della Celebrazione Eucaristica, dalle h 17:15 alle 18:15, P. Rolando Palazzeschi SJ guida la Lectio Divina nella Cappella della CVX in via San Sebastiano 48/d-Napoli. Attualmente la Lectio è sospesa per la pausa estiva.

Leggi l'Omelia integrale che P. Rolando ci invia ogni settimana.

Leggi i testi della Lectio Divina.

I NOSTRI PERCORSI FORMATIVI

Tutti i gruppi si ritrovano il primo venerdì

del mese per la Messa Comunitaria,

durante la quale il P. Assistente

indica gli spunti di meditazione mensili.

Poi ogni gruppo si incontra per proprio conto.

 

ADULTI  GRUPPO EMMAUS

(Il terzo sabato del mese, h 19:30-21:00) 

 

ADULTI  GRUPPO MIRYAM

(Il primo e il quarto sabato del mese,

h 18:00-19:30) 

 

GIOVANI-ADULTI GRUPPO EMMANUEL

(Ogni venerdì, h 20:00-21:30)

Statistiche

Utenti : 70
Contenuti : 882
Link web : 64
Tot. visite contenuti : 1452413

Il nostro sito fa uso di cookies al fine di fornire una migliore esperienza di navigazione all’utente. Potrebbero essere presenti, inoltre, cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information