8 Febbraio, una Messa a 2 anni dalla morte di Luigi Rao

Martedì 8 febbraio ricorrono due anni da quando il nostro amico fraterno, LUIGI RAO, è tornato al Cielo. Chi vorrà unirsi alla Mamma, Maria Rosaria, ai parenti e agli amici, in preghiera, potrà partecipare alla Messa che in quella stessa giornata, alle ore 19,00, si terrà nella Parrocchia di San Nicola alla Carità.

E’ significativo che la morte di Luigi e la sua memoria cadano sempre a ridosso della Giornata per la Vita, che la Chiesa cattolica italiana propone sempre nella prima domenica di febbraio. L’esperienza della sofferenza di Luigi e di quasi metà della sua esistenza vissuta in carrozzella, dopo l’esito negativo di un’operazione chirurgica, ci riporta nel cuore di questa Giornata, il cui perimetro di Pensiero e di Preghiera, a sostegno dell’Azione, non può non contenere anche l’attenzione, non solo assistenziale, alle persone – in particolare giovani – che sono diversamente abili.

Se è vero che la luce del Vangelo si distende su un mondo da costruire a partire dallo sguardo degli ultimi e dei più deboli, essa richiede risposte coerenti di valorizzazione e di protagonismo possibile di quanti, come Luigi, avevano con coraggio affrontato (e affrontano)  la condizione di essere costretto alla carrozzella, alla dipendenza dagli altri. Spesso senza assistenza e senza un’organizzazione sociale che assicuri risposte di dignità alla loro condizione ed efficaci alle loro esigenze.  L’amore di Maria Rosaria, la Mamma di Luigi,  e della Famiglia, quello degli amici più cari, sono stati il “carburante”  del Suo impegno di vita, in salita, impegnandosi negli studi di Giurisprudenza fino alla soglia della laurea, vivendo relazioni di amicizia e d’impegno comunitario, anche nella Cvx e nella Parrocchia, facendo vibrare le corde dell’interesse culturale, sociale, solidale. Con intelligenza e concretezza. Corde che vibrarono anche, due anni fa, poco prima della sua morte, nelle parole che consegnò al nostro Vescovo e Padre, Crescenzio Sepe, in occasione dell’allora Giornata della Vita, a Via Toledo, sui gradini della Sua Parrocchia.

Oggi, che nel Cielo è nell’abbraccio di Dio Amore e del suo Papà, Lui prega e assiste Maria Rosaria e quanti, come noi, hanno avuto il dono di conoscerlo e di attingere acqua pura alla fonte della sua sobria e signorile esistenza, oggi nell’Eternità. Libero dai vincoli, è Lui che spinge noi…

Pasquale Salvio 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.