Xenofobia: due volte un cattivo affare

icon

Un interessante editoriale di Leonardo Becchetti, già Presidente della CVX Italia, è stato pubblicato dal quotidiano Avvenire nel numero del 18 agosto 2015.

Lo stesso autore ha definito l’articolo un omaggio alla nostra CVX e all’impegno silenzioso di tanti di noi nell’accoglienza e nella promozione della dignità della persona.

Lo proponiamo ai nostri lettori per l’attenzione che ha suscitato, non solo nel mondo ignaziano.

19 agosto 2015

_______________________________________________________________________________________________________________________

XENOFOBIA: DUE VOLTE UN CATTIVO AFFARE

di Leonardo Becchetti

L’Italia sperimenta come forse mai prima nella sua storia un problema sgradevole e vero. C’è una parte politico-mediatica che sta strumentalizzando il nodo immigrati per finalità esclusivamente propagandistiche, producendo come effetto collaterale l’aumento dell’ostilità e della xenofobia nel nostro Paese. Strumentalizzare, in questo caso, significa fornire, attraverso una scorretta selezione e lettura delle notizie, una percezione (anche statistica) errata del fenomeno. Strategia che potrà anche servire per coltivare una piccola rendita (elettorale) di posizione, ma che non tiene conto del fatto che con la xenofobia non si potrà conquistare più del 15-20% dei consensi degli italiani.     

L’Italia è un Paese complesso. Ma soprattutto, come si più volte scritto e dimostrato su queste pagine, è una nazione «che respira ancora e sempre cristiano». Molti sono credenti e c’è rispetto per il cristianesimo. Di fronte a un problema come quello delle migrazioni forzate per guerra e ingiustizia – problema che investe Vangelo e Costituzione, legge morale e leggi degli Stati – la strategia migliore sarebbe stata quella di riconoscersi (e riconoscerci) ancora inadeguati nelle nostre risposte di fronte ai mali nel mondo e in particolare a quelli della miseria e della violenza che spingono tanti poverissimi a cercare fortuna, attraversando il Mediterraneo. Di fronte a tutto ciò nessuno di noi può dirsi “giusto”. Alcuni, invece, hanno scelto la strada impervia dei tentativi di “aggiustare” il messaggio cristiano. Con risultati amari e talvolta anche grotteschi.        

 

LEGGI TUTTO …        icon Becchetti. Xenofobia: due volte un cattivo affare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.