Una riflessione/preghiera di Ernesto Olivero sulla ricchezza che donano le diversità

Nell’ultima riunione della Consulta delle aggregazioni laicali della Diocesi di Napoli Maria Pia Mauro, responsabile con il marito Sergio Condurro dell’Ufficio Laicato, ha proposto questa preghiera di Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, pubblicata su Avvenire del 18 novembre 2016. L’abbiamo trovata così profonda nell’accettazione delle diversità, anzi nella ricchezza che da esse discendono, che ve la proponiamo.

______________________________________________________________

 

Le differenze, una ricchezza

 

Pietro Paolo due persone diverse

due vite diverse due modi diversi di amare Gesù

ma un unico amore.

Pietro e Paolo ci ridordano che le differenze

se non diventano comunione

sono un problema

che diventa tragedia.

Le differenze in Dio sono ricchezza

comunione collaborazione armonia.

 … Se l’uomo non entra nella semplicità del contemplare

vivrà le differenze come male

che richiama altro male.

Dio ci chiama ad alzare gli occhi all’infinito

o ad abbassarsi a leggere la realtà e la natura

scritte con la sua parola.

Dio ci chiede di vedere nelle differenze

la nostra vocazione

il senso del nostro vivere

l’occasione di unità e di amore

fratelli tutti diversi

figli di un unico Padre.

Ernesto Olivero

(estratto da Avvenire, 18/11/2016)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.