Paola Schipani. Una storia non proprio estiva

icon
UNA STORIA NON PROPRIO ESTIVA

Non è mia abitudine lanciare appelli indiscriminati e senza target precisi: non essendo troppo tecnologica, sono anche un po’ diffidente rispetto alle potenzialità della rete (Leonardo non arrabbiarti!), ma stavolta non voglio tenermi lo scrupolo di non avere fatto quanto potevo.

Vi racconto una storia.

Lo scorso ottobre a Reggio è sbarcata una nave partita dalla Turchia. Solito carico di disperati con già sulle spalle molti giorni, a volte mesi, di trasferimenti su camion di fortuna. Spostamenti di notte e soste di giorno, anche dodici ore consecutive rannicchiati su se stessi senza sapere esattamente dove ci si trova, che ora é, quando o dove si arriva. Storie di ordinaria clandestinità.

Al largo di Melito Porto Salvo (bel nome, no?) vicino Reggio, la barca viene avvistata dalla Guardia di Finanza …

3 agosto 2013
_________________________________________________________________________________

Nel darci l’autorizzazione alla pubblicazione della sua lettera, inviata originariamente alla ML della CVX Italia, Paola Schipani, della CVX di Reggio Calabria, ha aggiunto un abbraccio a tutta la CVX del Gesù Nuovo e, citiamo integralmente, uno particolare per chi ha fatto l’ Esecutivo con me (Carmen) qualche anno fa; un altro per i giovani (almeno una volta) del clan di Pierluigi e Gino; un altro per tutti quelli che hanno passato insieme a noi una bellissima serata al convegno di Pompei aiutati dalla chitarra di Giuseppe Licordari e dalla grappa di Carmen; un altro, particolarmente forte, per Bepy.

Grazie a te, Paola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.