Un appello di Alex Zanotelli sui rinnovati tentativi di privatizzare l’acqua pubblica

icon

Consiglia ci invia un articolo di P. Alex Zanotelli sugli ennesimi e protervi tentativi di privatizzare l’acqua in Italia, nonostante il referendum del giugno 2011, quando 26 milioni di italiani si pronunziarono a favore della pubblicizzazione di un bene, come l’acqua, da cui non si può far profitto.

29 ottobre 2014

______________________________________________________________________

ACQUA

SALVIAMO LA MADRE

di Alex Zanotelli

“Tra i tanti processi di privatizzazione dei servizi pubblici in corso, quello dell’accesso all’acqua è il più criminale,” ha scritto l’attivista R. Lessio nel suo libro All’ombra dell’acqua. “Un progetto folle a cui possono credere solo persone profondamente malate , ammalate del nulla.”

E in questo paese sono tante le persone  ‘ammalate del nulla’, che spingono di nuovo l’Italia verso la privatizzazione dell’acqua. E questo nonostante il Referendum (11-12 giugno 2011), quando 26 milioni di italiani hanno sancito che l’acqua deve essere tolta dal mercato e che non si può fare profitto su un bene così fondamentale .

 

A tutt’oggi il Parlamento italiano è stato incapace di rispondere a questa decisione popolare con un’appropriata legislazione. Eppure lo scorso anno 200 deputati hanno preparato un disegno di legge che non si riesce a far discutere in Parlamento. La ragione è che il governo Renzi sta perseguendo una devastante politica di privatizzazioni. Con “Sblocca Italia” e la “Legge di Stabilità”, Renzi offrirà incentivi agli enti locali che privatizzano i servizi pubblici. E’ il tradimento del Referendum!

Continua a leggere … icon Zanotelli. Appello Acqua. Ottobre 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.